Wowpedia
Advertisement
OrdaThrall / Go'el
Immagine di Thrall
Genere Maschio
Razza Orco
Classe Sciamano, guerriero
WC3RoC-logo.png Veggente
Risorse Mana
Reazione Alleanza Orda
Affiliazioni Nazione di Durotar, Orgrimmar, Orda, Concilio dell'Orda, clan dei Lupi Bianchi, orchi dei Lupi Bianchi, Circolo della Terra
Ex affiliazioni Aedelas Molonero
Occupazione Capoclan degli orchi, rappresentante degli orchi nel Concilio dell'Orda, sciamano del Circolo della Terra
Ex occupazioni Capo dell'Orda, del clan dei Lupi Bianchi e del Circolo della Terra, gladiatore, secondo in comando di Orgrim Martelfato
Locazione Varie
Stato Vivo
Parenti

Rhakish (trisnonno materno);
Garad, Geyah (nonni paterni);
Kelkar, Zuura (nonni materni);
Durotan, Draka (genitori);
Ga'nar, Fenris Cuordilupo (zii paterni), Lokra (zia materna), Karg Furiarossa (zio acquisito);
Ryal (suocera);
Aggra (compagna);

Durak (figlio), Rehze (figlia)
Mentori Orgrim Martelfato, Drek'Thar, Sergeant, Jaramin Skisson
Allievi Garrosh Malogrido
Compagni Cantaneve (partner di caccia)
Grommash Malogrido, Cairne Zoccolo Sanguinario, Vol'jin, Taretha Foxton (famiglia surrogata), Nazgrel ("fratello di sangue")
Trall safe heaven.png

Thrall (nome di nascita Go'el), figlio di Durotan e Draka, è l'ex Capoguerra della restaurata Orda sciamanistica, il fondatore della nazione di Durotar a Kalimdor e un membro della seconda ondata di sciamani.

I suoi genitori furono uccisi dagli assassini di Gul'dan poco dopo la sua nascita agli albori della Prima Guerra, evento in seguito al quale fu trovato e allevato da Aedelas Molonero che gli diede il nome di Thrall. Cresciuto come uno schiavo e un gladiatore, seguì successivamente Orgrim Martelfato nella liberazione degli orchi imprigionati dopo la Seconda Guerra, venendo poi nominato Capoguerra dopo la morte di Martelfato. Dopo aver condotto l'Orda lontano dai Regni Orientali reclamati dall'Alleanza, salvò e si fece alleati i troll della tribù Lanciascura e i tauren della tribù Zoccolo Sanguinario. Thrall guidò la Nuova Orda contro i loro ex padroni demoniaci nella Battaglia del Monte Hyjal. Successivamente si impegnò diplomaticamente a mantenere la pace tra l'Orda e l'Alleanza dopo la fine della Terza Guerra, accettando al contempo nuovi membri nell'Orda, come i Reietti di Sepulcra e gli elfi del sangue di Quel'Thalas.

Thrall come cavalcalupi

Dopo la caduta del Re dei Lich e la Rivolta degli Elementali a premonire il Cataclisma, Thrall rinunciò alla carica di capo dell'Orda, nominando Capoguerra Garrosh Malogrido e si unì allo sciamanistico Circolo della Terra per combattere gli elementi furenti, arrivando ad aiutare gli Aspetti Draconici nella caduta di Alamorte.

Lasciandosi alle spalle la vittoria sull'Aspetto corrotto, Thrall fu costretto a fare i conti con il caos causato dal suo rimpiazzo e la sua assenza. La campagna di Pandaria dimostrò chiaramente l'inaffidabilità e l'orgoglio di Garrosh, recando dissenso all'interno dell'Orda stessa. Thrall tornò indietro per difendere l'Orda e i suoi alleati dal loro sempre più spietato dittatore. Insieme a Vol'jin e ad altri capi diseredati dell'Orda, Thrall rovesciò il suo sciagurato successore nell'Assedio di Orgrimmar. Dopo la cattura di Garrosh, Thrall scelse personalmente Vol'jin per tenere insieme l'Orda e giurò fedeltà a lui, insieme ai rimanenti capi della fazione. In quel periodo sua moglie Aggra diede alla luce un figlio di nome Durak.

Thrall come sciamano

Durante la guerra a Draenor, Thrall fu un membro chiave della spedizione dell'Orda verso la versione alternativa della terra natale degli orchi Draenor. Oltre ad aiutare in molte battaglie chiave, incontrò e divenne amico dei suoi genitori Durotan e Draka di quella linea temporale e si fece alleati gli orchi Lupi Bianchi. Sapendo che Garrosh era il responsabile degli eventi nella Draenor alternativa, Thrall lo inseguì e riuscì infine ad ucciderlo nel loro mak'gora finale.

Col tempo, il peso di tutte le guerre combattute cominciò a pesare sulle spalle dell'ex Capoguerra e le sue abilità cominciarono ad affievolirsi. Durante l'ultima invasione della Legione Infuocata su Azeroth, egli passò sia il martello Martelfato che il ruolo del capo del Circolo della Terra ad un avventuriero sciamano, sapendo che il futuro con lui sarebbe stato in mani migliori. Con questo, si ritirò con la sua famiglia a Nagrand, dove si stabilì in una piccola fattoria. Ma il suo piano ebbe vita breve, poiché Varok Faucisaure venne a chiedergli aiuto per impedire che Sylvanas Ventolesto, succeditrice di Vol'jin in seguito alla sua morte avvenuta durante l'invasione della Legione, facesse a pezzi l'Orda dall'interno. Guidando una ribellione al fianco di Faucisaure, Thrall mantenne la promessa fatta a quest'ultimo, che morì durante un mak'gora con Ventolesto, che abbandonò l'Orda subito dopo. Raccogliendo nuovamente la guida del suo popolo, Thrall divenne un membro del Concilio dell'Orda, rimpiazzo della posizione di Capoguerra, come rappresentante degli orchi.

Thrall rappresenta uno dei protagonisti principali dell'universo di Warcraft.

Advertisement